QUEEN ART STUDIO
QUEEN ART STUDIO
 

ENIO DI STEFANO

L'ARTISTA

 

Enio Di Stefano nasce a Rocca di Cambio (AQ – Italia) il 18 giugno 1953.

Si trasferisce ad Ancona negli anni ’60 dove compie i propri studi e matura la sua formazione. Fin da ragazzo si dedica alla pittura e alla scultura, approdando, dopo varie esperienze, ad un genere surreale, sviluppando in maniera personale il rapporto tra Uomo e Natura.

Dal 1978 espone le sue opere, partecipando a numerose mostre personali e collettive, sia in campo nazionale che internazionale.

 

 

Recensione Critica

La grande retrospettiva del lavoro di Enio di Stefano, germina in una puntuale riscoperta surrealista e nel suo manifesto ruolo nell’ambito della pittura.

Enio è conosciuto per i suoi dipinti onirici e figurativi ,pieni di racconti straordinari e complessi ,edotti dal suo ricco interesse per la natura,per la particolare attenzione all'immagine che rappresenta quasi  incantato come un bambino ,ai dettagli anatomici dell’essere umano ,come rivisitati in una scomposizione metodica che non  permette di arrivare all’interno dell’io e che sembra voler mantenere abilmente offuscato … alle sue donne pensanti , sfrondate e piene di patos catturate dal  loro mondo ibrido, dove strane e un po  sconcertanti figure – vengono collocate  come  creature  arrampicate ai dei fili  o a catene che si indirizzano verso il cielo  come ancorate ad un gancio fantastico, alla ricerca della loro anima perduta

Così come nella sua raccolta di bucce in una minuziosa ricerca della più piccola sfumatura, parrebbe voler rappresentare più l’involucro …. O come pure nei sassi inanimati , simboli di quella estrazione  e di  una libera associazione psicoanalitica di se stesso , in cui  tutto ciò che semplicemente  viene in mente è ciò che è scritto , con nessuna modifica cosciente .

Riflettendo  sui propri sogni mostra la creatività da presentare tra il subconscio e l’inconscio .

Il Razionalismo soltanto sopprime questa immaginazione .

Il suo surrealismo è quindi  un tentativo di trasformare il pensiero in arte senza fare nulla che possa rovinarlo,  ed è pensato per visualizzare l'inconscio e il subconscio in modo da rafforzare la comprensione umana di entrambi .

I temi comuni  affrontati da Di Stefano come quelli di erotismo e di morte,nella sua arte surrealista non devono essere visti come trasgressivi. Freud credeva nelle unità del subconscio di Eros e Thanatos: il primo è un desiderio sessuale della vita, quest'ultimo è l'unità della morte, sono queste le unità inconsce dentro l’Artista, mescolate insieme, senza la razionalità della realtà che li separa.

Notevole anche è l'uso della combinazione incongrua dove  l’uomo e la donna involti dalle  nuvole ,le figure assorbite nella terra o nelle rocce  sono individualmente riconoscibili , ma insieme confondono lo spettatore , che vive attraverso questa unione i sentimenti  precedentemente espressi

 

Maria Grazia Todaro

 

 

CONTATTI

 

WORKS

ESPOSIZIONI CON QUEENARTSTUDIO

 

ARTE GENOVA FEBBRAIO 2014 

ART MONACO' APRILE 2014

ART EXPO 2014 AGOSTO PESARO ALEXANDER PALACE MUSEUM

ROTTERDAM ART FAIR 2014   SETTEMBRE 

Navigando in questo sito accetti l'utilizzo dei cookies in base alle normative vigenti sulla privacy

QUEENARTSTUDIO NELL'EXPO VENETO DEL CIRCUITO EXPO 2015 MILANO

Informazioni

info at queenartstudio.it

tel 3346447738

EVENT  2017 

ART SHOPPING LOUVRE

Consiglia questa pagina su:

QUEENARTSTUDIO A FAVORE DEL FAI

CHI E' AMICO DEL FAI ENTRA GRATIS AGLI EVENTI QUEENARTSTUDIO

entra nel nostro numeroso gruppo
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Maria Grazia Todaro Via Gian Francesco Sagredo 13 35124 Padova